Diciotto dicembre – Una cosa da niente

Una delle mie letture preferite è da sempre Winnie Puh l’orsetto, Pooh the bear. Per questo, quando anni fa negli scaffali della libreria Il cenacolo in via Giorgina Saffi a Forlì adocchiai Il Tao di Winnie Puh, La “Via” rivelata da un orso di pochissimo cervello, di Benjamin Hoff, non me lo feci scappare. E ogni tanto ancora oggi, lo riapro. Vi propongo un brano dal capitolo NIENTE E IN NESSUN POSTO.

“Dove andiamo?” domandò Puh, correndogli dietro e domandandosi se sarebbe stata un’Esplorazione o un Che-cosa-facciamo-adesso.

“In nessun posto” rispose Christopher Robin.

Così cominciarono ad andarci e dopo che ebbero camminato per un po’ Christopher Robin domandò:

“Che cos’è la cosa al mondo che preferisci fare, Puh?”

(E naturalmente la cosa che a Puh piaceva di più in assoluto era andare a casa di Christopher Robin a mangiare, ma dal momento che abbiamo già citato questo passo, ci sembra superfluo citarlo di nuovo.)

“Anche a me piace” disse Christopher Robin “ma la cosa che preferisco fare in assoluto è Niente.”

“E come si fa Niente?” chiese Puh dopo aver riflettuto a lungo.

“Be’, è quando ti chiamano proprio quando stai andando a farlo e ti chiedono: ‘Che cosa stai andando a fare, Christopher Robin?’ e tu rispondi: ‘Oh, niente’ e poi vai e lo fai.”

“Ah, ho capito” disse Puh.

“Adesso stiamo facendo una cosa nientosa.”

“Ah, ho capito” ripeté Puh.

“Significa passeggiare, ascoltare tutte le cose che non si possono sentire e non preoccuparsi.”

(Benjamin Hoff, Il Tao di Winnie Puh, Guanda Editore, 1993, p. 119)

E, per i miei amici internazionali, la versione originale:

“Where are we going?” said Pooh hurrying after him and wondering whether it was to be an Explore or a What-shall-I-do-about-you-know-what.

“Nowhere,” said Christopher Robin.

So they began going there, and after they had walked a little way, Christopher Robin said:

“What do you like doing best in the world, Pooh?”

(And of course, what Pooh liked doing best was going to Christopher Robin’s house and eating, but since we’ve already quoted that, we don’t think we need to quote it again.)

“I like that too,” said Christopher Robin, “but what I like doing best is Nothing.”

“How do you do Nothing?” asked Pooh, after he had wondered for a long time.

“Well, it’s what people call out at you just as you’re going off to do it, What are you going to do, Christopher Robin, and you say, Oh, Nothing, and then you go and do it.”

“Oh, I see,” said Pooh.

“This is a nothing sort of thing that we’re doing now.”

“Oh, I see,” said Pooh again.

“It means just going along, listening to all the things you can’t hear, and not bothering.”

taodipuh(foto: Giovanna T.)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in calendario dell'avvento, insegnamenti, Pooh, riflessioni e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Diciotto dicembre – Una cosa da niente

  1. Pingback: Buddy bear | bloggiovi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...