Tutti i mattini del mondo

Nell’appartamento al mare, quando ci siamo tutti, la Marta e Giorgio dormono con i piccoli, Michele, quattro anni compiuti a maggio, e Giacomo, che compirà due anni alla fine di ottobre, nella cosiddetta suite, la camera da letto matrimoniale, Paolo e la Robi, mia mamma, Pierfra e l’Ari, che si sono dati il cambio in queste settimane, nella camera piccola, detta la suitina, Boris e io invece dormiamo nel divano letto in soggiorno. Il che ha i suoi svantaggi, ma anche i suoi vantaggi. Per esempio, siamo i primi a sentire gli ultimi che tornano a casa – l’Ari, per esempio, che rientra all’alba o a giorno fatto – e i primi che si svegliano.

Alle sette di mattina, o poco dopo, sento i passettini leggeri di Michele, che si affaccia alla porta del corridoio e stropicciandosi ancora gli occhi, mi chiede: “Mi fai il latte?” Allora mi alzo e gli preparo la boccetta, secondo un rituale scanditomi da lui: “Prima lo riscaldi, poi lo raffreddi, ci metti tanto zucchero e miele, guarda, così – e mostra le dieci dita aperte inclinando la testa di lato – poi lo chiudi e lo rovesci, lo scuoti, lo lavi e lo asciughi ben bene.” E faccio più o meno così (solo che lo zucchero non ce lo metto, basta il miele delle api di Paolo, ma a Michele non lo dico), e quando glielo porgo, mi chiede invariabilmente “L’hai rovesciato-lavato-asciugato?” “Sì”, dico io, e Michele si stende sul nostro letto a berlo, adagio adagio, accanto a Boris che si gode gli ultimi minuti di sonno.

Poi, in attesa che Boris si svegli, può guardare un cartone, visto che siamo in vacanza, su raiyoyo, sul canale 43. Ma appena Boris dà segni di vita, Michele è pronto a chiedergli: “Facciamo un tunnel, facciamo una pista?” E in un baleno, mi aiuta a fare il letto, a richiuderlo e a fare spazio per le loro costruzioni. Così Boris si ritrova impegnato a costruire una stazione ferroviaria ancora prima di aver bevuto il caffè, che gli faccio io (senza però riscaldarlo, raffreddarlo, metterci il miele, lavarlo e asciugarlo). E la stanza si riempie di gridi di battaglia dei due costruttori: “Uuuhuhh”, “Uuuhhuuuuu” (che sarebbe il fischio della locomotiva) …

A volte le loro fatiche edilizie vengono interrotte dall’improvvisa irruzione di Giacomo, in body e pannolino. Michele istantaneamente si difende, allontanandolo con un braccio e con un “Noooooo!” che rischia di trasformarsi in pianto dirotto se non riusciamo a bloccare Giacomo in tempo dallo svellere una torre, un fiore, una scala, dalla loro bellissima costruzione.

E allora tocca a me depistare Giacomo su altri giochi – le macchinine, il camion, la ruspa.

A volte invece li vedi apparire insieme, e Michele non ha ancora finito di chiedere: “Mi fai il latte?” che Giacomo gli fa eco “atte!” “L’hai rovesciato-lavato-asciugato?” “ato?”, e allora è un destreggiarmi tra boccette, cucchiaini di miele, tettarelle, panni, mentre loro si arrampicano sul letto e si mettono già in posizione, Giacomo finisce il suo latte in un attimo, mentre Michele sta ancora bevendo… E Boris sta ancora dormendo.

E Giacomo, deposta la boccetta, si alza, va dritto verso le macchinine, estrae la ruspa, il camion, il camper, l’ambulanza, e li mette in fila davanti al naso di Boris, che ancora dorme: “amion gurande, gurande…” E Boris dorme. E Michele si avvicina a Boris, il musino a due centimetri dal naso: “Boris, dormi?” E Boris apre gli occhi, e dice: “Sì, ma ora non più…” “Allora facciamo un tunnel?” E Giacomo: “gurande, gurande!” E Boris: “Giovi, mi faresti un caffè?”

Che dire? Posso solo ripetere le parole di Michele: “Che bello, quando siamo tutti insieme!”

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in risvegli, vacanze e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Tutti i mattini del mondo

  1. Boris ha detto:

    Gurande! Ho riso tanto!
    Boris

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...